Parlando di giochi: Cloe’s Requiem

Chloe.no.Requiem.full.1703260

Rieccoci qua, valorosi utenti del Divino Pennuto.
Ancora una volta ci troviamo qui riuniti per parlare di videogiochi freeware da scaricare sui vostri computatori… e come se nella mia vita non ci fosse già abbastanza orrore, ancora una volta vi parlerò di un rpg horror. Che originalità!
Pazienza, andiamo subito al sodo: il gioco di cui vi parlerò oggi è

 

CLOE’S REQUIEM

Il nome è già tutto un programma…
Allora, com’era prevedibile, il gioco è giapponese, creato da Nubarin e Nanashi no Chiyo del gruppo Buriki Clock e potete scaricarne la versione in inglese qui . Per far partire il gioco, è necessario scaricare RPG Maker. Dovrebbero essere disponibili delle versioni gratuite fatte apposta per chi vuole solo giocare senza creare, ma ho perso il link da cui l’ho scaricato e non riesco più a trovarlo, scusate.

OUVERTURE

Michel, un giovane violinista di 12 anni fugge di casa per motivi che non ci vengono rivelati subito. Durante la fuga, si ritrova in una casa abbandonata, e visto che non ha alcuna intenzione di tornare indietro, comincia a esplorarla. Mentre vaga per le stanze in rovina, Michel comincia a sentire la musica di un pianoforte e seguendola s’imbatte in una ragazzina di 13 anni, Cloé. Per qualche motivo, lei sembra conoscerlo, ma Michel all’inizio non ci da peso. Mentre parlano, Michel apprende che Cloé è l’unica abitante della magione e che a causa di una maledizione non può uscire. La ragazzina chiede a Michel, che è diventato prigioniero come lei, di spezzare la maledizione affinché possano fuggire entrambi. Il giovane violinista acconsente e comincia la ricerca degli spartiti musicali che permetteranno di spezzare l’incantesimo, ma la maledizione è potente e cerca in tutti i modi di fermarlo e di distruggere la sua sanità mentale con visioni grottesche e apparizioni soprannaturali. Riuscirà Michel a salvare Cloé e se stesso? O la maledizione riuscirà a farlo impazzire prima di scoprire il mistero che avvolge la casa?

 

 

MUSICA MAESTRO

Come già detto in precedenza, i titoli freeware, in particolare quelli che riesco a scaricare io, tendono ad avere tutti lo stesso tipo di grafica, in quanto sono fatti con lo stesso tipo di programma, e questo non fa eccezione. Bidimensionale, semplice… nulla di nuovo sotto il sole. Giusto i protagonisti forniscono un po’ di colore in più grazie alle finestre di dialogo, in cui appaiono dei graziosi ritratti a matita dei suddetti che cambiano espressione a seconda della battuta.
Una cosa che però distingue questo gioco, e che a parer mio è il suo punto forte, è certamente la colonna sonora. Un susseguirsi di brani di musica classica ci accompagnerà durante la nostra avventura, alternandosi a scricchiolii sinistri, urla, risate da psicopatici e altri suoni deliziosi. La cosa bella è che i brani che dovrete cercare per sciogliere la maledizione sono gli stessi che sentirete suonare, e se guardate bene in giro e leggete tutti i fogli e i libri che trovate, riceverete anche alcune informazioni sui suddetti.
Una scelta d’obbligo, considerando la trama.

 

 

LE NOTE SULLO SPARTITO

Parliamo un po’ del gioco in sé.
I comandi sono gli stessi di sempre: le frecce per muoversi, Z per interagire con oggetti e persone, X per aprire il menù e cancellare le scelte e Shift per camminare veloce.
Visto che si tratta di un’avventura molto breve – vi ci vorranno al massimo 3 ore per finire il gioco – gli enigmi che ci troveremo ad affrontare saranno relativamente semplici e d’immediata soluzione, ma non fatevi ingannare, perché basta un niente per perdere la nostra sanità mentale e ritrovarsi con un bel game over. Ci saranno inoltre un paio di situazioni in cui vi ritroverete in condizioni tali da non sapere bene cosa fare. Tutto quello che posso dirvi è di mantenere la calma e di ragionare bene prima di agire. Ottenere il vero finale inoltre, può essere una questione particolarmente spinosa, e io stesso mi sono ritrovato bloccato sui finali brutti senza riuscire a completare il gioco nel migliore dei modi. Non starò a spoilerarvi nulla sulla trama, tuttavia vi do una dritta: prima di suonare l’ultimo brano, vi conviene mostrare a Cloé un certo oggetto, dopodiché sarà bene visitare di nuovo tutte le stanze della casa e rileggere ciò che può essere riletto, perché i libri vi forniranno degli indizi per spezzare la maledizione una volta per tutte. Certo, sono tutte cose che in realtà avete già letto, ma una ripassata non guasta, perciò attenzione.

 

 

TIRANDO LE SOMME

Direi che vi ho detto tutto, perciò, riassumiamo un po’ le cose.

Pro:
- bella storia, che ci riserva un paio di sorprese;
- comandi semplici;
- ottima colonna sonora;
- quattro finali disponibili, a seconda delle nostre scelte.

Contro:
- tre ore e l’avrete finito;
- niente extra.

Uno dei brani che sentiremo durante il gioco, giusto per calarvi nell’atmosfera.

COMING NEXT?

Ormai sono quasi due mesi che sto lavorando a una fanfiction – sapete, quella su cui ho fatto l’ultimo disegno che ho postato – ma purtroppo la depressione mi ostacola non poco. Per compensare, tra due settimane ci sarà un altro “consiglio per gli acquisti”, e due settimane dopo ce ne sarà un altro.

Au revoir


Licenza articolo: Attribuzione, Non opere derivate, Non commerciale

Bene, hai letto l'articolo: ti ha ispirato? Ti ha fatto infuriare? È un cumulo di idiozie?

Loggati oppure Iscriviti per dirci la tua!  Se vuoi far presto:


Partecipa alla discussione

Utente anonimo